Politica
Lavoro, segno più o segno meno?

Lavoro, segno più o segno meno?

Pubblicato su Strade monografica novembre/dicembre

Quando l’Istat – l’Istituto nazionale di statistica – ha pubblicato i dati provvisori di settembre sull’occupazione, le reazioni sono state molto diverse e contraddittorie: da un lato le forze politiche di opposizione hanno evidenziato il calo del numero degli occupati dello 0,2% (-36 mila) per criticare le scelte del governo, dall’altro le forze di maggioranza hanno sottolineato la riduzione dei disoccupati dell’1,1% (-35 mila) per esaltare l’efficacia della politica economica dell’esecutivo.

In mezzo a tutto ciò, molte persone si domandano: com’è possibile che siano diminuiti sia gli occupati che i disoccupati? Ci sarà stata una pandemia che ha sterminato decine di migliaia di italiani? O forse un’emigrazione di massa? Per fortuna no. C’è un altro dato che spesso non viene considerato, ma che è altrettanto importante, ed è il numero degli inattivi: nell’ultimo mese sono aumentati dello 0,4% (+53 mila). Rispetto al mese precedente secondo l’Istat sono quindi diminuiti occupati e disoccupati, mentre sono aumentati gli inattivi.

A questo punto è forse utile fare un passo indietro per capire qual è la definizione di queste categorie e in particolare cosa distingue gli inattivi dai disoccupati, visto che la differenza con gli occupati è abbastanza intuitiva. Secondo l’Istat gli occupati sono le persone oltre i 15 anni di età che lavorano. I disoccupati sono le persone oltre i 15 anni non occupate e alla ricerca attiva di un lavoro (insieme, occupati e disoccupati, formano le “forze di lavoro” che in rapporto alla popolazione di riferimento segnalano il tasso di attività). Gli inattivi invece comprendono chi tra i 15 e i 64 anni non fa parte delle forze di lavoro, cioè le persone non occupate né in cerca di occupazione, e il rapporto tra gli inattivi e la popolazione di riferimento segnala il tasso di inattività.

La somma del tasso di attività con quello di inattività è pari al 100%: sembra una cosa banale, ma non lo è, perché, ad esempio, sommare il tasso di occupazione e il tasso di disoccupazione non funziona allo stesso modo. I due tassi, infatti, non si riferiscono alla stessa popolazione: il tasso di occupazione è il rapporto tra gli occupati e la popolazione nella fascia d’età 15-64anni, mentre il tasso di disoccupazione è il rapporto tra i disoccupati e le forze di lavoro (cioè occupati più disoccupati).

Continua a leggere su Strade

 

Dopo questo excursus, i dati di settembre rispetto ad agosto non sembrano positivi, perché oltre alla diminuzione degli occupati indicano che il dato apparentemente positivo della riduzione dei disoccupati è dovuto all’aumento degli inattivi: in pratica non ci sono meno disoccupati perché hanno trovato lavoro, ma perché hanno smesso di cercarlo.

Può essere però fuorviante misurare la variazione di occupati, disoccupati e inattivi rispetto al mese precedente (quella che l’Istat chiama variazione congiunturale) perché ci possono essere in campo dei fattori che l’amplificano. Ad esempio la fine della stagione estiva può portare a un calo naturale degli occupati (come l’inizio porta un aumento). Per questo motivo è più corretto, o quantomeno più indicativo, guardare alla variazione tendenziale, ovvero a quanto il dato è cambiato rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Visti così, i dati sono molto meglio: rispetto all’anno scorso gli occupati aumentano dello 0,9% (+192 mila persone occupate) e il tasso di occupazione dello 0,6%, la disoccupazione diminuisce dell’8,1% (-264 mila persone in cerca di lavoro) e il tasso di disoccupazione dell’1%, gli inattivi calano dello 0,3% con un tasso di inattività invariato. Come direbbero dalle parti del governo, è la svolta buona, finalmente si vede l’Italia col segno più, ecco i risultati delle riforme.

Forse non è il caso, però, di abbandonarsi a eccessivi entusiasmi. Basta fare un confronto con il periodo pre-crisi o con gli altri paesi europei per rendersi conto del reale valore dei segnali positivi che vengono dal mondo del lavoro. Il dato più rilevante da considerare è l’occupazione, o meglio il tasso di occupazione, che è probabilmente il “meno bugiardo”.

Il tasso di disoccupazione può trarre in inganno: se confrontiamo il dato italiano attorno al 12% con quello spagnolo attorno al 24% possiamo essere istintivamente portati a pensare che in Spagna siano senza lavoro il doppio delle persone, ma, come abbiamo visto, la percentuale dei disoccupati è riferita alla forza lavoro e non alla popolazione in generale, non tiene cioè conto degli inattivi, di coloro che il lavoro non lo cercano neppure per scelta o perché scoraggiati.

E infatti in Italia il tasso di occupazione, ovvero il numero di persone che lavorano rispetto alla popolazione totale, è più basso che in Spagna. Può sembrare un gioco di parole, ma più che l’alta disoccupazione è la bassa occupazione il problema della nostra economia.

Come hanno evidenziato Francesco Seghezzi e Michele Tiraboschi del centro studi Adapt, “il calo degli occupati (di settembre, ndr) inchioda l’Italia a un tasso di occupazione del 56,5%, ormai inferiore di 3 punti a quello spagnolo. Il numero di persone che lavorano nel nostro Paese resta il problema principale, sia sociale che di sostenibilità del sistema economico e di welfare”.

Il tasso di occupazione italiano è uno dei peggiori del mondo sviluppato, circa 10 punti più basso della media europea, superiore solo alla disastrata Grecia. Il dato è impressionante soprattutto se si guarda il numero assoluto degli occupati, circa 22,5 milioni: vuol dire che, su una popolazione di circa 60 milioni di abitanti, solo una persona su tre lavora, e ha sulle spalle il sostentamento delle altre due. È quindi importante che nell’ultimo anno gli occupati siano aumentati di 192mila unità e che il tasso di occupazione sia salito dello 0,9%, ma siamo indietro, rispetto ai livelli pre-crisi – che erano già più bassi di quelli degli altri paesi – di circa 500mila posti di lavoro e 2 punti percentuali.

Per far alzare il numero degli occupati il governo ha investito ingenti risorse politiche ed economiche, con il Jobs Act e la decontribuzione per gli assunti a tempo indeterminato, ma i risultati non sembrano rispecchiare l’entità dello sforzo.

Come ha evidenziato Luca Ricolfi, dopo nove mesi dall’introduzione della decontribuzione “il bilancio è magro, innanzitutto, in termini di costi e benefici. Perché i costi sono stati altissimi (circa 12 miliardi, spalmati in 3 anni, per i soli assunti nel 2015), ma i benefici occupazionali sono stati minimi”, visto che l’occupazione è cresciuta di appena 185 mila unità. Il professor Ricolfi fa notare chel’incremento degli occupati nei primi nove mesi del 2015 è stato pressoché identico allo stesso periodo del 2014, quando però eravamo in recessione e non c’erano i generosi incentivi all’assunzione introdotti quest’anno. Il che vuol dire che, senza i 12 miliardi di decontribuzione, nonostante un quadro economico europeo e internazionale più favorevole, la crescita occupazionale sarebbe stata più lenta dell’anno scorso, quando l’Italia andava col segno meno.

La cosa è preoccupante, perché, se si assume che le risorse spese per la decontribuzione abbiano avuto un effetto, a partire dall’anno prossimo ci potrebbe essere un arresto nella crescita dei posti di lavoro, visto che il governo ha deciso di tagliare la decontribuzione sui nuovi assunti dal 100% per tre anni al 40% per due anni, preferendo impiegare le risorse per ridurre le tasse sulla casa.

La situazione non è catastrofica, come tendono a dipingerla dalle parti dell’opposizione, ma ha anche poco a che fare con il trionfalismo del governo. L’Italia dopo diversi anni ha finalmente “il segno più”, ma subito dopo c’è lo zero virgola, e di questo passo ci vorranno decenni per colmare il gap con il resto d’Europa. Sempre che nel frattempo non ci siano scossoni nell’economia globale.

Related Posts

Comments are closed.

Luciano Capone


Nato in Irpinia, vivo a Milano, tifo Lazio. Ho provato a non fare il giornalista ma per adesso non ci sono riuscito, è insieme al Tressette la cosa che forse mi riesce meno peggio. Scrivo per Libero e Il Foglio. Se cercavi "Al Capone" hai sbagliato sito. Se cercavi "Lucky Luciano" pure.