Cultura, Politica
C’è del metodo in questa follia. Tutte le bufale scientifiche di Grillo

C’è del metodo in questa follia. Tutte le bufale scientifiche di Grillo

Pubblicato su Il Foglio lunedì 11 maggio

Pochi giorni fa Beppe Grillo ha attaccato l’oncologo Umberto Veronesi dicendo che “pubblicizza in tv le mammografie così ha le sovvenzioni per il suo istituto”, aggiungendo che esiste una propaganda che dice “che bisogna fare una mammografia ogni due anni e le donne la fanno perché si informano male: del resto la differenza di mortalità tra chi la fa e chi non si sottopone alla mammografia ogni due anni è di due su mille”. L’affermazione del capo del Movimento 5 Stelle è stata molto criticata dal ministro della Sanità Beatrice Lorenzin, da tutte le forze politiche e soprattutto dalla comunità scientifica che ha ribadito l’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce nella cura del tumore alla mammella e del cancro in generale. E’ grazie agli sforzi di medici come Veronesi e alla prevenzione se il tumore alla mammella viene curato in circa il 90 per cento dei casi.

Il Movimento 5 Stelle ha ormai una consolidata tradizione nella diffusione di bufale, dalle teorie del complotto sull’11 settembre ai microchip sottopelle, dall’esistenza delle sirene alle scie chimiche, dall’idea che dietro le stragi degli anni di piombo ci sia il Bilderberg alla convinzione che lo sbarco sulla Luna sia stato una finzione della Cia. Ma le bufale più pericolose sono quelle in ambito scientifico e sanitario, perché oltre ad inquinare il dibattito pubblico rischiano di causare danni irreparabili alle persone che si fidano del verbo di Beppe. E parliamo di milioni di persone, visto che il partito di Grillo rappresenta circa un quarto dell’elettorato italiano. Non è la prima volta che il leader del M5S accusa gli scienziati di speculare sulla salute dei malati e di essere al soldo delle multinazionali farmaceutiche: tempo fa aveva affibbiato all’ex ministro della Sanità Veronesi il nomignolo “Cancronesi” e aveva insultato Rita Levi Montalcini con epiteti irripetibili, insinuando che avesse ottenuto il Nobel non per merito ma grazie all’aiuto di una multinazionale farmaceutica. E non è neppure la prima volta che il comico genovese diffonde informazioni false sul cancro e sulla medicina in generale.

Continua a leggere su Il Foglio

 

Si può convivere con il cancro. Screening, esami e diagnosi precoci sono pericolosi” – In uno dei suoi spettacoli Grillo sosteneva che in Svizzera avevano scoperto che il “100% dei morti novantenni aveva il tumore alla tiroide ma non era morto di tumore alla tiroide”, stessa cosa per il tumore alla prostata, concludendo che “si può convivere” con il cancro e pertanto “bisogna informarsi prima di fare screening, esami e diagnosi precoci perché sono pericolosi”. Grillo non dice di quale studio si tratta, ma sarebbe stato più interessante sapere quante delle persone morte di tumore non avevano fatto screening e avuto diagnosi precoci. Tutti gli oncologi e le organizzazioni internazionali che si occupano della cura del cancro sono concordi nel dire che la prevenzione è uno dei fattori più importanti nell’abbattimento della mortalità per tumore.

Per quale motivo devo farmi un esame di tumore preventivo al pancreas?” – Anche in un altro show Grillo si scaglia contro la prevenzione del cancro, nel caso specifico del pancreas: “Prevenzione, diagnosticare…Berlusconi dà 10miliardi delle vecchie lire per la prevenzione del tumore al pancreas. Per quale motivo devo farmi un esame preventivo di tumore al pancreas? Sto bene, non ho nessuna necessità. Il tumore al pancreas è un tumore rarissimo: undici casi su centomila, tasso di mortalità cento per cento. Nei cinque anni muori sicuro e non c’è la cura. Che cazzo di esame preventivo mi devi fare? Non lo voglio sapere”. E’ la stessa teoria espressa nei giorni scorsi sul tumore alla mammella, ma applicata al pancreas.

“Per curare il cancro alla prostata basta trombare” –  Recentemente, in un comizio delle elezioni amministrative del 2014, dopo aver attaccato Angelina Jolie per essersi fatta asportare i seni in quanto predisposta ad avere il tumore, Grillo comunica alla piazza il miglior metodo scientifico per guarire il cancro alla prostata: “l’unico modo per curare la prostata è trombare”.

Metodi Di Bella, Bonifacio e Pantellini: “Il tumore si cura con il limone e la cacca di capra” – Il Movimento 5 Stelle negli ultimi mesi è stato probabilmente il più grande sponsor politico del metodo Stamina per la cura di alcune malattie neurodegenerative, una pseudocura priva di validità scientifica formulata dallo scienziato della comunicazione Davide Vannoni. Ma prima di Stamina e Vannoni, che nell’ambito dell’inchiesta sulla sua “cura” ha patteggiato la pena di un anno e 10 mesi, Beppe Grillo negli anni passati aveva apertamente difeso le “cure alternative” di altri “ciarlatani”. Grillo ha descritto il professor Luigi Di Bella, che aveva elaborato una cura per il tumore senza efficacia e validità scientifica, come un “eretico” messo al rogo dalla medicina ufficiale. Ma oltre a Di Bella, Grillo descriveva nei suoi spettacoli come un perseguitato anche Liborio Bonifacio, un veterinario che riteneva di poter curare il cancro attraverso un siero ricavato dalle feci e dall’urina di capra. Un altro genio incompreso fatto fuori dalle multinazionali di Big Pharma secondo Grillo era un tale Pantellini che “curò la moglie, malata terminale senza più speranza, con succo di limone e ascorbato di potassio. Guarì dal cancro”. Sembra superfluo ribadire che la scienza non ha trovato riscontri sufficienti a dimostrare che la cacca di capra e il succo di limone guariscano il cancro, ma ovviamente secondo Grillo si tratta di un complotto delle multinazionali farmaceutiche che nascondono le “vere cure” per vendere le loro porcherie. Il vero problema è che non è stata trovata ancora una cura contro il complottismo e le paranoie.

L’Aids è la più grande bufala del secolo” – Grillo, che evidentemente oltre che di oncologia è esperto anche di virologia, nei suoi spettacoli ha più volte sostenuto che “l’Aids è la più grande bufala del secolo”. “Veltroni va in Africa e scopre i malati di Aids – diceva Grillo nei suoi spettacoli – arriva qui e dice che ha la soluzione: ‘Bisogna mettere a tutti il preservativo’. Ma lui non dice che ci sono seri sospetti che l’Aids sia una bufala”. Su un altro palco il comico lo dice chiaramente: “L’Aids è la più grande bufala del secolo!”. Grillo è convinto che non ci sia connessione tra l’Hiv e l’Aids e che la malattia sia una bufala, un complotto delle multinazionali farmaceutiche per spillare soldi e vendere i medicinali, che sono la vera causa dell’immunodeficienza. In pratica: “Chi causa l’Aids è la cura”. In un’intervista del 1997 il leader di una delle principali forze politiche del nostro paese diceva: “Io ho la convinzione che l’Aids non esiste, che questa malattia è stata un modo per prendere fondi, miliardi di dollari. Mai è stato provato che esista il virus Hiv, nessuno l’ha mai visto”.

I vaccini sono inutili” (o dannosi) – Lo screening e la prevenzione non servono a nulla, la prostata si cura trombando, dal cancro si guarisce con cacca di capra e limone, l’Hiv non esiste e i vaccini sono inutili. Sempre nei suoi spettacoli Grillo ha ribadito diverse volte che i vaccini non servono a nulla, in quanto le malattie vanno e vengono da sole: “Là dove hanno fatto le vaccinazioni le malattie sono scomparse, là dove non le hanno fatte le malattie sono scomparse lo stesso”. Se i vaccini non servono a nulla, l’unico motivo per cui esistono è per farli vendere alle solite multinazionali farmaceutiche. Naturalmente la comunità scientifica la pensa all’opposto, i vaccini sono stati essenziali per debellare alcune malattie, ma nel Grillo pensiero questi scienziati sono tutti prezzolati da Big Pharma, pagati per dire ciò che fa gli interessi delle solite sporche multinazionali. La guerra contro i vaccini è diventata anche una battaglia politica del Movimento 5 Stelle che ha depositato una proposta di legge sul “diniego dell’uso dei vaccini per il personale della pubblica amministrazione” nella convinzione, in contrasto con qualsiasi evidenza scientifica, che esista un collegamento tra le vaccinazioni e “leucemia, intossicazioni, infiammazioni, immunodepressioni, mutazioni genetiche trasmissibili, malattie tumorali, autismo e allergie”.

Un pomodoro ogm ha ucciso 60 persone” – In un altro dei suoi spettacoli Beppe Grillo sosteneva che alcuni scienziati avevano inventato un ogm facendo incrociare un pomodoro “con un merluzzo del mare del nord perché così resiste al freddo. In 4 mesi sono morti 60 ragazzi di shock anafilattico perché hanno mangiato quel pomodoro ogm ma erano allergici al pesce”. Questa sarà una delle principali motivazioni per cui i grillini sono ostinatamente contrari agli ogm e come loro probabilmente anche molti italiani che da anni subiscono questo tipo di terrorismo informativo. Per fortuna nessuno è morto per colpa del pomodoro ogm, per il semplice fatto che il pomodoro-pesce-antigelo non lo ha mai mangiato nessuno, perché semplicemente non è mai esistito. E’ anche questa una bufala, l’ingrediente più utilizzato nella dieta mediatica grillina.

Related Posts

Comments are closed.

Luciano Capone


Nato in Irpinia, vivo a Milano, tifo Lazio. Ho provato a non fare il giornalista ma per adesso non ci sono riuscito, è insieme al Tressette la cosa che forse mi riesce meno peggio. Scrivo per Libero e Il Foglio. Se cercavi "Al Capone" hai sbagliato sito. Se cercavi "Lucky Luciano" pure.